Stampa 

ASSOCIAZIONE

“IL GIARDINO DELLE EMOZIONI”

 

TITOLO I

DISPOSIZIONI GENERALI

Costituzione, sede, scopi e disposizioni generali.

Art. 1 E’ costituita l’Associazione Socio Culturale senza scopo di lucro denominata:

“Il  Giardino delle Emozioni”, la sua sede sociale è sita in Serra dè Conti (An), Via Colle Ravara n. 30 – 60030 codice fiscale 91027960425, ma può istituire uffici e rappresentanze anche in altre località;

Art. 2  L’Associazione non ha fini di lucro ed è estranea ad ogni differenziazione politica, culturale, religiosa ed etnica;

Art. 3  L’Associazione può aderire, con delibera da adottarsi dall’Assemblea Generale, ad altre associazioni od enti quando ciò torni utile al conseguimento dei fini sociali. Essa dovrà, comunque, mantenere la più completa indipendenza nei confronti degli organi di governo, delle aziende pubbliche e private, delle organizzazioni sindacali;

Art. 4  L’Associazione ha come scopo sociale la promozione del benessere della persona ed iniziative culturali, la promozione di corsi culturali, conferenze e corsi informativi per la conoscenza del sé. Realizzazione di gruppi di discussione  per intraprendere iniziative, proporre argomenti, realizzare ricerche o semplicemente confrontarsi sui temi in questione proposti di volta in volta. Tematiche: formazione alternativa, crescita personale, counseling (mediatore di conflitti), ambiente di lavoro e benessere, promozione della cultura e dell’arte, consulenza in materia di lavoro, risorse umane, ricerca sociale. Attuazione di iniziative socio educative e culturali. Guida alla visione e alla creazione di un audiovisivo, delle tecniche di costruzione, ripresa e montaggio di un’immagine e di elaborazione critica della visione filmica – il cinema inteso come specchio del proprio sé.  Tutte le iniziative potranno essere attuate tramite seminari. E’  rivolto a tutte le persone interessate ad ampliare le proprie conoscenze, ad enti, scuole, gruppi di persone.

Svolgere in genere tutte le attività che si riconoscono utili per il raggiungimento dei fini che l’associazione si propone;

Art. 5  Gli organi dell’Associazione sono:

-          l’Assemblea dei Soci;

-          il Presidente;

-          il Consiglio Direttivo;

Art. 6  L’Associazione provvede al conseguimento dei suoi fini con i contributi dei Soci, con le entrate conseguite tramite l’organizzazione delle varie iniziative,  tramite la raccolta di fondi devoluti da Enti e persone fisiche e/o giuridiche, e alle quote sociali. Nella misura stabilita annualmente dal Consiglio Direttivo;

Art. 7  L’Associazione dispone di un capitale sociale di Euro 300,00 versato dai soci fondatori al momento della costituzione;

Art. 8  L’esercizio finanziario coincide con l’anno solare. Il bilancio consuntivo insieme alla relazione del Consiglio Direttivo, deve essere approvato dall’Assemblea totalitaria degli associati;

Art. 9  Gli eventuali avanzi di gestione, dedotta una quota per la costituzione di un

fondo di riserva, dovranno essere destinati a riserve,  e nulla potrà essere distribuito

 

tra i Soci;

Art.10 In caso di scioglimento il patrimonio sarà devoluto ad altra associazione avente le stesse finalità.

TITOLO II

I SOCI

Art. 1  Possono far parte dell’Associazione le persone fisiche e quelle giuridiche che siano interessate all’attività dell’Associazione stessa;

Art. 2  Ogni socio, per consapevole accettazione, assume l’obbligo di osservare lo Statuto, il regolamento interno;

Art. 3  Il socio che intenda recedere dall’Associazione deve darne comunicazione scritta con lettera raccomandata entro tre mesi dallo scadere del periodo di tempo per il quale è associato direttamente al Presidente;

Art. 4  I soci, al momento in cui presentano domanda di iscrizione, sono tenuti a versare un contributo annuo nella misura e con le modalità che verranno stabilite di anno in anno dal Consiglio Direttivo. Sulla domanda di iscrizione decide, in modo inappellabile il Consiglio Direttivo;

Art. 5  L’esclusione di un socio per gravi motivi deve essere deliberato dal Consiglio Direttivo a maggioranza assoluta e ratificata dall’Assemblea dei Soci;

Art. 6  Tutti i soci hanno gli stessi diritti, tra cui quello di intervenire all’Assemblea generale con diritto di voto, sempre che siano in regola con i pagamenti delle quote. Tutti i soci possono partecipare alle attività sociali.

TITOLO III

L’ASSEMBLEA DEI SOCI

Art. 1  L’Assemblea dei Soci è il massimo organo dell’Associazione. Essa delibera  soltanto sugli argomenti posti all’ordine del giorno in occasione della sua convocazione;

Art. 2  L’Assemblea dei Soci si riunisce, in seduta ordinaria, una volta all’anno entro il trenta del mese di aprile in forma collegiale per l’approvazione del bilancio consuntivo (costituito da rendiconto economico e finanziario) e della relazione del Consiglio Direttivo. E per l’elezione del Presidente, del Vicepresidente e dei Consiglieri per quattro anni;

Art. 3  L’Assemblea si riunisce in seduta straordinaria, su convocazione del Presidente, quando il Consiglio Direttivo, quando lo ritenga necessario o su richiesta scritta e motivata di almeno un terzo dei soci, oppure per deliberare su proposte di modifica dello Statuto e sullo scioglimento dell’Associazione e sulla nomina degli organi direttivi o su altri adempimenti di rilievo;

Art. 4  L’Assemblea dei Soci deve essere indetta dal Consiglio Direttivo e convocata a cura del Presidente, la convocazione deve essere inoltrata almeno venti giorni prima della data fissata e deve contenere oltre che l’ordine del giorno anche la data, l’ora e il luogo di svolgimento;

Art. 5  All’Assemblea  dei Soci partecipano di diritto il Presidente, il Consiglio Direttivo e tutti i Soci in regola con il pagamento della quota di associazione.  Ciascun socio potrà rappresentare uno o più altri soci purchè munito di regolare delega scritta;

Art. 6  L’Assemblea dei Soci è validamente costituita in prima convocazione grazie alla presenza di almeno metà dei soci. Non raggiungendo questo numero di voti, la sessione è rimandata a non più di trenta giorni dalla prima convocazione; nella  seconda convocazione l’assemblea sarà valida qualsiasi sia il numero dei soci presenti. La data di questa sessione può essere fissata nello stesso avviso di

convocazione della prima. Le deliberazioni dell’Assemblea sono valide se prese a maggioranza dei voti espressi al momento della votazione esclusi gli astenuti;

Art. 7  L’Assemblea, all’inizio di ogni sessione, elegge tra i soci presenti un presidente ed un segretario. Il segretario provvede a redigere i verbali delle deliberazioni dell’assemblea. I verbali devono essere sottoscritti dal presidente dell’assemblea, dal segretario e dagli scrutatori qualora vi siano votazioni.

TITOLO IV

IL PRESIDENTE

Art. 1  Il Presidente rappresenta legalmente l’Associazione nei rapporti con i terzi e presiede l’Assemblea dei Soci e il Consiglio Direttivo;

Art. 2  Il Presidente resta in carica quattro anni. Alla scadenza viene eletto dall’Assemblea dei Soci a maggioranza assoluta. Qualora la maggioranza assoluta non si raggiunga il Decano del Consiglio Direttivo provvederà a seconda convocazione, da tenersi entro un mese, nella quale il nuovo Presidente sarà eletto ma maggioranza semplice;

Art. 3  Il Presidente provvede alla direzione, alla gestione e all’organizzazione dell’Associazione in conformità con le delibere dell’Assemblea dei Soci e del Collegio Direttivo;

Art. 4  In caso di estrema urgenza e necessità, il Presidente può provvedere su materie di competenza del Consiglio Direttivo, salvo sottoporre le sue decisioni alla ratifica del Consiglio nella prima riunione possibile e, comunque, entro e non oltre novanta giorni dall’emissione dei provvedimenti;

Art. 5  Il Presidente a tutti i poteri necessari per trattar con Enti Pubblici e Privati, compresi gli Istituti Bancari, e può delegare in tutto o in parte i suoi poteri al vicepresidente o ad altra persona di sua fiducia.

TITOLO V

IL CONSIGLIO DIRETTIVO

Art. 1  Il Consiglio Direttivo è composto dal Presidente, che lo presiede, dal Vice Presidente e da un Consigliere. Il Vicepresidente è eletto, su proposta del Presidente, dal Consiglio Direttivo tra i propri componenti;

Art. 2  Il Consiglio Direttivo resta in carica quattro anni ed i suoi membri possono essere rieletti. Alla scadenza, viene eletto dall’Assemblea dei Soci, a maggioranza assoluta. Qualora la maggioranza assoluta non si raggiunga, il decano del Consiglio Direttivo provvederà ad una seconda Convocazione, da tenersi entro un mese, nella quale il nuovo Consiglio sarà eletto a maggioranza semplice.

Art. 3  In caso di dimissioni o indisponibilità di uno o più membri del Consiglio Direttivo, lo stesso Consiglio provvede, per cooptazione, a nominare nuovi membri, scegliendoli tra i Soci, fino a ristabilire il numero di tre. I Consiglieri cooptati restano in carica fino alle successive elezioni. Non può essere nominato Presidente o Vice Presidente che sia stato cooptato nel consiglio senza essere stato regolarmente eletto dall’Assemblea dei Soci. La carica di consigliere è gratuita.

Art. 4  Il Consiglio Direttivo è investito di ogni potere per decidere sulle iniziative da assumere e sui criteri da seguire per il conseguimento e l’attuazione degli scopi dell’associazione e per la sua direzione ed amministrazione ordinaria e straordinaria.

In particolare il Consiglio:

-          fissa le direttive per l’attuazione dei compiti statutari, ne stabilisce le modalità e le responsabilità di esecuzione e controlla l’esecuzione stessa;

-          decide sugli investimenti patrimoniali;

-          stabilisce l’importo delle quote annue di associazione;

-          delibera sull’ammissione dei soci;

-          decide sull’attività e le iniziative dell’associazione e sulla sua collaborazione con i terzi;

-          approva i progetti di bilancio preventivo, rendiconto finanziario e statuto patrimoniale, da presentare all’assemblea dei soci;

-          stabilisce le prestazioni di servizi ai soci ed ai terzi e le relative norme e modalità;

-          conferisce e revoca procedure;

Art. 5  Il Consiglio Direttivo nomina nel suo seno un presidente, che dura in carica per l’intera durata del consiglio, ed un vice-presidente.  Esso si riunisce ogni volta che sia necessario, su iniziativa del presidente, in seduta ordinaria, non meno di una volta ogni tre mesi oppure, su richiesta motivata dalla maggioranza dei suoi componenti, in seduta straordinaria in qualsiasi momento;

Art. 6  Per la validità delle riunioni è richiesta la presenza della maggioranza dei suoi componenti. Le delibere sono prese a maggioranza semplice dei presenti. In caso di parità dei voti, prevale il voto del Presidente;

Art. 6 Bis Qualora nel Consiglio si producano vacanze per qualsiasi motivo, lo stesso Consiglio provvede a sostituire il Consigliere mancante. Il Consigliere così nominato resta in carica fino alla prossima Assemblea dei Soci;

Art. 7  Nei casi di dimissioni del Presidente o della maggioranza dei componenti del Consiglio Direttivo, rimane in carica temporaneamente il Presidente per espletare l’ordinaria amministrazione e per convocare l’Assemblea straordinaria dei Soci. Tale convocazione deve essere effettuata entro e non oltre sessanta giorni e deve avere luogo nei successivi trenta giorni. Nel caso di assenza definitiva del Presidente, le stesse attribuzioni vengono assunte dal Vicepresidente, per la sola ordinaria amministrazione fino al elezione di un nuovo presidente;

Art. 8 La firma e la rappresentanza legale dell’associazione di fronte a qualsiasi autorità giudiziaria e amministrativa e di fronte a terzi sono conferite al presidente.

TITOLO VI

DURATA

Art. 1  La durata dell’Associazione è illimitata, lo scioglimento può essere deliberato da almeno due terzi dei Soci. In caso di scioglimento tutti i beni costituenti l’eventuale patrimonio sociale, verranno destinati ad un’Associazione con le stesse finalità o ad un Ente di pubblica utilità scelta dall’Assemblea dei Soci.

TITOLO VII

DISPOSIZIONI GENERALI

Per tutto quanto non contemplato nel presente Statuto Sociale vigono le norme stabilite dal Codice Civile Italiano.

 

Approvato dall’Assemblea dei Soci nella seduta del 02 gennaio 2007